martedì 15 novembre 2016

MI MANCA IL PANCIONE..

Oggi sono andata in ospedale a trovare un'amica che ha partorito.. Ovviamente il primo sentimento che ho provato è stata la sincera gioia per la nascita di una nuova vita, per la felicità dei genitori, per l'arrivo di una nuova amica per i miei figli..
Ma immediatamente dopo ho pensato: chissà, probabilmente a me non capiterà più.. e subito una bruciante nostalgia della gravidanza, del pancione inteso come involucro di un esserino mio e anche delle giornate in ospedale, con gli amici e i parenti vicini e le notti in cui ero sola con lei/lui e li annusavo e li stringevo e imparavo a conoscerli..

Sono nostalgica per carattere ma non credevo che la gravidanza sarebbe stato un periodo così bello da mancarmi.. E poi, per quanto sia fantastica l'età di Elena che ne fa e ne dice 100 nuove al giorno, so che tra qualche mese, quando anche Francesco avrà raggiunto una sua indipendenza, sentirò la mancanza di un bimbettino che, a volte, sta tranquillo solo tra le mie braccia..

Lo so, sono sentimenti pericolosi che rischiano di scaturire in una valanga di figli.. ahahahahahahha..
c'è chi mi frenerà...

Noi due


Noi due ❤❤

Noi due ❤❤

Aggiungi didascalia

Noi quattro (prima e, finora unica, foto insieme)

Fratelli

In ospedale, io e Francesco

Ancora noi due ❤❤

Prima uscita di famiglia, Modena centro


mercoledì 11 maggio 2016

GRANDI, GRANDISSIMI, IMMENSI CAMBIAMENTI!

Non so da dove cominciare.. Da Elena che di cambiamenti, progressi, evoluzioni ne fa ogni giorno..
Ha compiuto un anno in Gennaio ed è ogni settimana una bimba diversa.. Più attenta, più vivace, più volitiva, più simpatica.. E' un vulcano, ma nello stesso tempo è buona. E' solare e divertente. E', cosa che mi fa più piacere, serena. Sta bene con tutti, sorride tanto, si sveglia e sta tranquilla nel lettino senza piangere se non vede nessuno. Da qualche settimana a questa parte poi, dorme tutta notte (quasi sempre) e questo è uno dei cambiamenti più rilevanti della nostra routine. Perchè, è inutile dire il contrario, dormire di notte cambia le prospettive e l'umore delle giornate. E' vero che ci si abitua a dormire in maniera frammentata e non è un dramma ma dormire tutta notte è un lusso grandioso!!

Altro cambiamento radicale: abbiamo comprato casa! Quindi mutuo, ristrutturazione, discussioni sulle piastrelle dei bagni, sulla necessità del ripostiglio eccetera eccetera...
Però è la casa che volevamo, nel quartiere in cui sognavamo di abitare e, anche se adesso che siamo in mezzo alla ristrutturazione ed è uno stillicidio, vedo tutto in salita, sono felicissima.

Poi c'è Semmi... Chi è Semmi? Il semino che sta crescendo nella mia pancia.. A dire la verità non è più tanto un semino visto che sono entrata nel settimo mese di gravidanza. Una gioia immensa ovviamente. Una grande fatica questa seconda gravidanza che va benissimo, senza intoppi nè fastidi esagerati, ma sono stanca. Tanto tanto stanca. Sempre.
E ci vorrà un post a parte per parlare di tutto quello che comporta questa seconda avventura.

Insomma direi che di cambiamenti ce ne sono tanti :)





mercoledì 11 novembre 2015

COSE E PERSONE DELLA SETTIMANA SCORSA

Quella appena trascorsa è stata una settimana un po' particolare, non tanto per le nuove attività di Elena, che ormai ogni giorno ne fa una nuova.. Ma perchè dopo mesi di semi-clausura io e A. venerdì sera siamo usciti!! Finalmente una serata tra amici, senza bimbi, con la musica, i tacchi e qualche bicchiere di troppo.. Ci voleva.

Sotto qualche immagine dal lunedì alla domenica.

Lunedì, questa soggettina fa le prime prove di "gattonamento"
(ancora più emozionante se penso che fino a due mesi fa non poteva neanche allungare le gambe!)
Mercoledì Due mandarini, la merenda di Elena che inizia a provare (e gradire quasi sempre) nuovi cibi.
Venerdì sera (prima parte)
Elena dorme dai nonni per la prima volta


Venerdì sera (seconda parte)
Io e A. alla festa di compleanno di un amico..no comment per le facce della foto e per il karaoke

Domenica mattina, papà e figlia

mercoledì 4 novembre 2015

LA MIA VITA "PRIMA"

Piccola riflessione..
Com'era la mia vita prima?
Intendo quando una buona nottata era addormentarsi a mezzanotte e svegliarsi alle 8; e non addormentarsi alle 23, svegliarsi alle 5, alle 6 e, definitivamente alle 7.
Quando il lavoro da libera professionista mi consentiva, una volta al mese magari, di passare un intero pomeriggio a leggere un libro.
Quando uscivo a fare shopping con mia madre.
Quando andavo a nuotare.
Quando la mia casa aveva un aspetto quasi decoroso.

Com'era? Cosa facevo tutto il giorno? Avevo moltissimo tempo libero e non me ne rendevo conto.. Deve essere per forza così, perchè adesso tra il dormire (poco) il lavorare (poco) e lo stare con Elena (molto) le ore volano via.. Non voglio scrivere un post di rimpianti o lamentele, tutt'altro... La cosa che mi stupisce di più è che la nascita di un figlio è un tale uragano che della mia routine quotidiana pre-figlia ho solo "tracce".

Certo potevo fare di più, impiegare il tempo un po' meglio, oziare in maniera più consapevole :-)

Adesso mi impegno in micro hobby inutili, come fare stupide fascette a Elena, che le odia e se le toglie un secondo dopo :-)

giovedì 8 ottobre 2015

ELENA, DISPLASIA DELL'ANCA ALLA NASCITA

Elena è nata con una displasia/lussazione all'anca destra e una pronunciata immaturità ossea all'anca sinistra.
I termini che uso non sono quelli tecnici perchè quando l'abbiamo scoperto, cioè a 5 giorni di vita della bambina e grazie all'avvertimento del pediatra, mi sono rifiutata di guardare su internet alla ricerca di pareri medici ecc.. Avrei letto volentieri la storia di una neo-mamma come me per farmi coraggio. E per questo scrivo un post dedicato al "problema" di Elena.

Come vi dicevo il pediatra ci ha allertato perchè si è accorto di qualcosa facendo la "manovra di Ortolani", a quel punto ci siamo affrettati a fare l'ecografia (che era invece prevista dopo un mese) e questa ha confermato la displasia, piuttosto grave peraltro.

La cura prevista era una sola: un tutore da portare 23 ore al giorno, vale a dire sempre, tranne che per i cambi e il bagnetto. La mia reazione iniziale è stata quella di versare fiumi di lacrime. In privato, se riuscivo a trattenermi. Sapevo e so che ci sono problemi ben più gravi ma l'idea che quell'esserino così fragile e minuto (pesava kg. 2750) dovesse essere costretto in un tutore rigido mi faceva inorridire..
E non nego di aver pensato anche a tutti i vestitini che avevo comprato e che non avrebbe potuto usare!! Poi però le hanno messo questo tutorino (che si chiama "Ferrara") e lei ha reagito bene, non immediatamente, ma dopo qualche ora era già tranquilla.. E allora mi sono tranquillizzata anch'io.

La prognosi era di 3 mesi, con possibili sconti. Il dettame quello di essere rigidissimi e di non toglierlo mai. Anche perchè il rischio per lei era quello di avere gravi problemi di deambulazione da grande!!


Tutore Ferrara 

Tutore appena "montato"

In versione "pollo allo spiedo" con tutore sotto alla tutina

Elena a un mese circa, ormai ero bravissima nel camuffare il tutore

Prima visita dopo 40 giorni, grandi miglioramenti. Probabilmente dovrà portarlo meno di tre mesi!!
Grande felicità e grandi speranze ma alla seconda visita dopo due mesi la musica cambia: ci sono stati pochi miglioramenti, dovrà portarlo almeno un altro mese..
Alla terza visita la situazione è quasi invariata, altri 30 giorni.
Alla quarta visita ci consigliano un consulto con l'ospedale di Ferrara, che ha un reparto specializzato in questo tipo di problemi. Scegliamo di rivolgerci al dott. Atti che la visita, a Ferrara, immediatamente.

Andiamo a Ferrara io, mia mamma ed Elena, perchè A. è dovuto tornare a Pescara e il dottore ci tranquillizza. Dice che la cosa è quasi certamente risolvibile (quel "quasi" mi ha perseguitato per i mesi successivi) ma deve cambiare tutore e metterne uno più adatto alla sua età (ormai ha 3 mesi compiuti). Lo dovrà portare 4 mesi circa.. BANG!! Tegola sopra alla testa.. Tutta l'estate con il tutore!! Speriamo di partire per le vacanze in agosto "libere".



Nuovo tutore (fronte)

Nuovo tutore (retro)


Primo giorno con il tutore rigido

Inizia l'estate!

La faccio breve perchè i mesi sono passati, abbiamo fatto controlli ogni 40 giorni e l'eco ha confermato, man mano, un netto miglioramento della situazione di Elenina e questo ci ha molto aiutato a sopportare i mesi estivi.. La "sfortuna" è stata che l'estate appena trascorsa è stata torrida e abbiamo sofferto doppiamente per Elena..

Il mese di Luglio otteniamo "uno sconto di pena" ed Elena può stare senza tutore 3 ore al giorno per cui ci godiamo un po' di più il mare..

Il mese di Agosto speravamo di partire per le vacanze senza più nulla ma il dott. Atti ritiene che sia meglio consolidare i progressi fatti e aumenta solo lo sconto: 6 ore al giorno senza impiccio!

Devo essere sincera Elena non ha mai dato cenno di essere così infastidita dalla protesi. E' sempre rimasta la bimba sorridente che è anche adesso. Forse qualche fastidio notturno, dovuto al fatto di non potersi girare, c'è stato.. E infatti non ha mai dormito benissimo. Ma nessuna tragedia, nessun vero dramma. Io non so se questo sia dovuto al fatto che ha assunto quella posizione a pochi giorni dalla nascita o se, semplicemente, siamo stati fortunati noi.. Fatto sta che le vere seccature sono state, per lo più, il cambio di pannolino e la vestizione estiva (perchè, nonostante il caldo era necessario metterle dei leggings affinchè il tutore non le procurasse delle piaghette.

Ore di libertà al mare, con A.

Nanna

Ore di libertà in montagna
Poi finalmente il 9 settembre (giorno in cui ha compiuto 8 mesi) l'ultima visita.. Tutto è tornato nella norma e dovrà essere controllata quando starà in piedi. Lasciamo il tutore al dottore e questa esperienza alle spalle..

Il risveglio dopo la prima notte senza tutore :-)

Adesso può dormire come le pare!!


mercoledì 2 settembre 2015

ELENA!

Dopo più di un anno di assenza non posso non ripartire da lei, Elena.
Elena ha quasi 8 mesi ed è la mia bambina..

Riaprendo oggi il blog mi ha fatto effetto rendermi conto che quando ho scritto l'ultimo post ero già incinta anche se non lo sapevo.. e, probabilmente, è stata concepita proprio in quel week end che vi ho raccontato!

Vi parlerò di lei, è inevitabile se continuerò a scrivere, perchè sono ancora nella fase in cui ogni 10 pensieri 9 sono rivolti a lei.
Lei che urla, lei che mi chiama mamma, lei che batte le manine, lei che saluta, lei che ride da matti, lei che... E' UGUALE A SUO PADRE..

Ebbene sì, tanta fatica, tanto impegno e lei che scherzo ti fa? Nasce identica a suo padre.. Ma uguale uguale.. E io nego. E cerco delle somiglianze con me che non ci sono e mi aggrappo a quei 3 su 100 che non ci vedono e dicono "è la tua fotocopia" mentre gli altri 97 sono unanimi nel dire "è identica ad A."

Voi direte.. Che importanza ha? Nessuna in effetti, ma un pochino pochino mi secca..
E poi vorrei dire a tutti quelli che incontro, non c'è bisogno di sottolinearlo ogni volta, lo so!!
E, ovviamente, la adoro e non cambierei una virgola :-)



mercoledì 23 aprile 2014

PASQUA CON CHI VUOI

Sono reduce da un bellissimo week end pasquale.. Come si intuisce dal titolo non si è trattato di una festa in famiglia con genitori, nonni, suoceri, fratelli e nipoti ma di tre giorni con gli amici (e A., quello sempre)
Tre giorni di risate, bevute, passeggiate tra i vigneti e pranzi eterni.. Giornate lente e senza pensieri, senza telefono, senza formalismi, colazioni in pigiama anche se in albergo. Un paesino del Trentino, Termeno, un po' ruvido ma molto affascinante. La compagnia giusta, che, come spesso accade, è stata "raccogliticcia", un triangolo Modena Reggio Emilia Pescara.
Avrei già voglia di ripartiren!!

nota: per tre giorni abbiamo parlato aggiungendo una "n" a tutte le parole (insopportabili)